Home | Deutsch | English | Sitemap

Michael Wachtler

Michael Wachtler - Le Dolomiti

Le Dolomiti – Patrimonio Naturale dell’Umanità UNESCO

Le Dolomiti, e con esse le Tre Cime, i Baranci, il Picco Vallandro e tante altre vette delle Dolomiti di Sesto e di Braies, sono considerate uno dei paesaggi piú belli del mondo. L’UNESCO, cioè le Nazioni Unite con la loro organizzazione per l`educazione, la scienza e la cultura, ha valutato le loro particolarità paesaggistiche e geologiche, confermandone ufficialmente l`unicità. Attualmente, al mondo queste meraviglie della natura sono 176, tra cui in Italia oltre alle Dolomiti solo le Isole Eolie, in Germania i famosi ritrovamenti di fossili nel Pozzo di Messel e il Wattenmeer. Anche nell’arco alpino finora solo due regioni hanno avuto l’onore di essere inserite nella lista: i ghiacciai di Jungrau-Aletsch-Bietschhorn e il Monte San Giorgio per i suoi ritrovamenti paleontologici, entrambi in Svizzera. Tra le altre bellezze naturali del mondo protette dall` Unesco ci sono le Cascate Victoria, il Grand Canyon, le isole Galapagos e il parco di Yellowstone. Con l`inserimento nella lista dei Patrimoni dell`Umanitá non solo è stato assegnato un riconoscimento particolare, soprattutto è stata addossata una responabilitá particolare a chi in futuro dovrá gestire questo Patrimonio Mondiale.

Cosa è stato a spingere la commissione dell’UNESCO a considerare le Dolomiti Patrimonio Naturale dell`Umanitá? In base alle relazione conclusiva sono considerate “tra i paesaggi alpini piú belli del mondo, con forme verticali spettacolari ed un` alta densità di valli strette, profonde e lunghe. “ A ció si aggiunge la loro “varietà di pinnacoli, guglie e torri”. In particolare devono il loro inserimento nell` elenco dei Beni alla loro genesi straordinaria. Le loro barriere coralline tropicali vecchie milioni di anni conservano una quantità infinita di testimonianze preistoriche. Eruzioni vulcaniche da tempo dimenticate hanno forgiato il paesaggio, e l´erosione dovuta al vento, l`aqua e la forza della natura hanno creato forme rocciose uniche al mondo. Inoltre è citato l´affascinante gioco di colori all´alba e al tramonto, la cosiddetta “Enrosadira”, termine ladino entrato cosí nell´uso internazionale. Al tutto si aggiunge la varietà della flora, che conta ben 2.400 specie diverse, di cui alcune vivono solo nelle Dolomiti. In breve, le Dolomiti sono uniche dal punto di vista geologico, botanico e paesaggistico, e non possono essere paragonate ad un alcun´ altra catena montuosa al mondo. La comissione con questo peró ha anche ammonito a conservare un tale bene anche per le generazioni future.

Nella storia, artisti famosi hanno espresso la loro ammirazione per le Dolomiti:
Uno degli architetti piú famosi, lo svizzero Le Corbusier, delle Dolomiti ha detto che sono “l`architettura naturale piú bella al mondo.”
Il grande scrittore italiano Dino Buzzati di loro ha scritto “..architetture sublimi che alzano le loro colonne per centinaia e centinaia di metri, quelle rupi conservano la loro solitudine. Vi passano soltanto le nubi. I pittori continuano a fermarsi sotto, con il cavaletto ed i pennelli, cercando inutilmente di riprodurre quella perfetta opera d´arte.

Dal malinteso a Patrimonio Naturale dell’Umanità
Neanche un romanziere sarebbe riuschito a scrivere la storia delle Dolomiti in modo piú emozionante! È vero che l`aristocratico francese Deodat de Dolomieu nel 1789, stranamente nei pressi del Brennero, trovó un minerale sconosciuto. Ma fu il chimico Horac Bénédict de Saussure che inizialmente propose di chiamarlo “Tirolites” per poi, su insistenza di Dolomieu, dare a questo minerale sconosciuto il nome di “dolomite”. Ancora oggi si è nel dubbio a chi effettivamente le Dolomiti debbano il loro nome.

Allo stesso modo si riporta spesso come siano stati i due turisti inglesi Josiah Gilbert e George Cheetham Churchill a coniare il termine “Dolomiti” per la prima voltae nel loro libro pubblicato nel 1864 “The Dolomite Mountains”. La prima descrizione delle “Dolomite mountains” peró fu scritta giá nel 1837 da un redattore sconosciuto per le guide John Murray´s; lo stesso John Murray che qualche anno piú tardi, nel 1859, sarebbe stato il primo a pubblicare la maggiore opera di Charles Darwin, “L´origine della specie”. Né prima né dopo le Dolomiti furono descritte in modo imponente e toccante quanto lo fece questo anonimo. “Differiscono in modo spiccato da tutte le altre montagne: con il loro bagliore, la loro brulla sterilità, la loro ripidezza, le loro innumerevoli fratture e crepe che attraversano pareti giganti, tutte perpendicolari; le loro vette a spigoli vivi e le loro creste dentate si innalzano nel cielo per centinaia di metri a formare un orizzonte pittoresco. A volte sono torri ed obelischi, strapiombi profondi migliaia di piedi separati l`uno dall`altro. Altre volte invece sono numerose e sottili, tanto da sembrare un fascio di baionette o lame di spada. Tutte assieme emano un alito di dignità nobile e di novità che puó essere condiviso solo da chi le ha viste.“ Fu la prima volta che uno scrittore delimitò queste montagne nel modo corretto: “ Le Dolomiti spaziano dalla Val di Fassa alle Valli Gardena e Badia fino a raggiungere la Val Pusteria. In Alta Pusteria trovó “abissi inaccessibili e cime fantastiche in altitudini irraggiungibili”. E cosí la descrizione continua, fino a paragonare alcune montagne con “denti di alligatore”. Le guide rosse di Murray, le prime ad assegnare stelle ai siti piú degni di essere visti, presto affascinarono un ampio pubblico. Non c’è quindi da meravigliarsi, se presto anche un tedescho si affacciò su questo mercato in evoluzione: Karl Baedaker. Nel 1855 pubblicó le sue prime guide, anch´esse rosse, in cui descrisse le “montagne Dolomiti”: “Rocce alte, bianche e aguzze si innalzano con le forme piú strane, a volte a punta, a volte come pareti lisce alte centinaia di metri, spesso comparabili a mucchi di detriti che si innalzano fin nella regione delle nevi eterne.” Attraversando la Val di Landro “si scorgono le ´Tre Cime`, alte e brillanti”.

Scalare queste montagne ancora non interessava. Ma solo un decennio piú tardi, nel 1869, il primo turista alpinista, Paul Grohmann, conquistò le Tre Cime, il simbolo delle Dolomiti. La storia di questo Patrimonio Naturale peró non sarebbe completa se nello stesso periodo non si fossero gettati sulle Dolomiti anche gli scienzati. Ispirato dal grande Charles Darwin, nel 1860 un giovane scienziato tedesco, il barone Ferdinand von Richthofen, riconobbe che le Dolomiti altro non erano se non antiche barriere coralline tropicali. Negli anni seguenti tra scrittori di viaggi, studiosi e alpinisti si creó una competizione inconsueta: ognuno voleva vedere il uo nome ricordato nei libri di storia. Nel corso dei decenni seguenti si scoprì che le Dolomiti vantavano veramente una genesi unica al mondo: catastrofi impressionanti, mari tropicali, periodi glaciali ed eruzioni vulcaniche, tutto documentato negli strati di roccia. E questo diario geologico fece si che, nell´estate 2009, la Commissione dell` UNESCO dichiarasse le Dolomiti Patrimonio Naturale dell`Umanitá.



Dolomiti
 
 

Michael Wachtler - Highlights

Il più grande ritrovamento d'oro delle Alpi

Megachirella wachtleri
l'antenato delle lucertole

Il potere dei cristalli
Il cristallo della morte

Le ombre fossili delle felci
Il messaggio del passato

 

Saggio

 

Pubblicazioni


Michael Wachtler
Filosofo della natura, scopritore, scrittore, documentarista

Via P.-P.-Rainer 11,
I-39038 San Candido (BZ)

Tel. +39 0474 913462
Fax +39 0474 913092
michael@wachtler.com
www.michaelwachtler.com

Part. IVA IT02608410219

Link utili:

Zona delle Tre Cime nelle Dolomiti
Vacanze in Alto Adige

  
Editoria  © Webdesign by SiMedia

Michael Wachtler - Filosofo della natura, scopritore, scrittore, documentarista
Via P.-P.-Rainer 11, I-39038 San Candido (BZ)
Tel. +39 0474 913462 - Fax +39 0474 913092 - michael@wachtler.com - www.michaelwachtler.com