Home | Deutsch | English | Sitemap

Michael Wachtler

Highlights | Megachirella wachtleri

Come è stato trovato
Megachirella wachtleri, l'antenato di serpenti e lucertole

“Megachirella wachtleri.” Dietro questo nome si nasconde la morte e la rinascita di un piccolo animale. Più di 240 milioni di anni fa, un piccolo, bizzarro animale deve essere saltato di albero in albero su una di quelle isole tropicali che a quel tempo emergevano dal mare.

Non era né un serpente, né una lucertola, né un’iguana, ma portava in sé qualcosa di tutti e tre. Viveva in un’epoca di immensi cambiamenti, solo poco tempo dopo la più grande catastrofe che mai accadde su questa terra e che sterminò circa il 95% di tutti gli esseri viventi. La maggior parte degli animali, che vivono oggi su questa terra, non esistevano ancora o erano all’inizio della loro evoluzione: dinosauri, mammiferi, ma anche serpenti e lucertole. Un pianeta svuotato di gran parte dei suoi abitanti offriva abbondantemente posto a quei pochi animali, che sopravvissero a questa catastrofe a cavallo fra il Permiano e il Triassico. Sorprendentemente, invece, queste situazioni di stress – l’adeguamento -graduale dei valori di ossigeno, l’acquietamento del clima e molti altri fattori - contribuirono a cambiamenti insoliti, esplosivi, che interessarono l’intero mondo degli animali e delle piante.
Nell’estate del 1999 mi stavo dirigendo, come tante altre volte, verso il Monte Prà della Vacca (Kühwiesenkopf) sopra Braies. Sempre più spesso mi chiedevo cosa mi portasse in questa zona. Ebbene, proprio qui inizia la natura selvaggia e talvolta impenetrabile, dove solo raramente si incontrano delle persone. È strano: qui potevo stringere amicizia con gli animali, ma anche con le pietre e con le piante. Nel corso degli anni avevo imparato sempre di più a capire il linguaggio delle rocce. Forse per questo mi erano riuscite alcuni importanti scoperte: nuovi tipi di piante, -pesci ed altri esseri marini. Come avevo fatto chissà quante altre volte, colpii col martello la roccia dura, estrassi le lastre, le separai e guardai con attenzione tutto ciò che poteva esserci di insolito. Poi accadde qualcosa di strano. Una lastra si staccò. I miei occhi furono subito attratti da qualcosa di insolito. Alcune costole si levarono quasi invisibilmente. Per un attimo ebbi dei dubbi. Si trattava di nuovo di uno di quei pesci che avevo appena scoperto? Rimuginai a lungo, avanti e indietro. Avrei dovuto gettare la lastra nel precipizio, perdendola per sempre, o piuttosto depositarla su quel mucchio di materiale che prima o poi avrei portato giù a valle? Alla fine optai, pur senza grande convinzione, per la seconda possibilità, quasi augurandomi che qualche slavina nel frattempo la potesse trascinare via con sé.
“Sarà giusto che la natura riveli i propri segreti sotto così tante difficoltà,” mi domandai tra me e me. Perché non si poteva aprire all'improvviso una lastra portando alla luce i resti meravigliosi di un sauro, che ci avrebbero aiutato a trovare soluzioni circa lo sviluppo della vita? Alla fine lasciai lassù la lastra di pietra e presto la dimenticai.
Passò una settimana, un’altra e una terza ancora. Intanto mi occupai di mille altre cose. Poi finalmente decisi di andare di nuovo sul Monte Prà della Vacca. Sarebbe stata davvero l’ultima volta per quell’anno. Faceva un freddo da cani, a tratti il terreno era ghiacciato e dovevo stare terribilmente attento a non cadere nel vuoto. Di nuovo mi feci largo tra i massi infiniti di rocce. Giunse il mezzogiorno. Quindi mi sedetti lì e tirai fuori il mio misero spuntino. Improvvisamente, il mio sguardo cadde su una lastra di pietra. La conoscevo e quasi mi meravigliai che fosse ancora lì. La presi in mano. Erano quelle insignificanti costole fossilizzate. Bene, anche per lei era giunto il momento di essere portata a casa. Ma, non appena volli avvolgerla in un sottile pezzo di giornale per proteggerla dai graffi degli altri sassi, mi scivolò e cadde lentamente nel vuoto. Cercai di afferrarla, ma non ci riuscii. Tutto questo non mi preoccupò affatto. Anche a casa sarebbe comunque finita in polvere. Se il destino non lo voleva, avrà avuto i suoi buoni motivi. Ricominciai quindi a lavorare, ma la notte, in questi giorni d’autunno, scende presto. Mi preparai per la partenza. Entro breve uno strato di neve spessa sarebbe sceso sopra questi ripidi pendii e le valanghe avrebbero spianato di nuovo tutto come facevano ogni anno. In inverno, questa zona selvaggia appartiene solo a se stessa. Mentre scendevo lentamente, stando attento a non scivolare, su una sporgenza, quasi tentasse di mantenere l’equilibrio, vidi nuovamente l’insolita lastra. La presi con me una volta per tutte.
Negli ultimi tempi avevo avuto parecchi contatti con ricercatori e scienziati. Uno studiava i gasteropodi, un altro gli strati, un terzo i pesci fossilizzati, e così via. In quel campo tutto si basa su un lavoro di reciproca collaborazione. Vi partecipavano anche delle donne. Hanno un punto di vista completamente diverso di concepire la natura e per questo arricchiscono questi campi della scienza in maniera fondamentale.
Il Professor Andrea Tintori di Milano è un esperto di pesci del periodo Triassico. Lo avevo già avvisato che avevo trovato una nuova specie di pesci, nonché una lastra di pietra che avrebbe potuto gettare, se non si fosse rivelata interessante. Il Professore prese in consegna il pacchetto.
Poco tempo dopo fui raggiunto da una telefonata inattesa. Questa volta da parte del Professor Silvio Renesto, uno dei più noti ricercatori italiani di sauri. Con un lungo e paziente lavoro aveva estratto le ossa e le costole da questa piastra insignificante e, con sorpresa di tutti, erano venute alla luce impronte di un insolito animale terrestre. Gli scheletri fossilizzati di esseri viventi sulla terraferma si contano sulle dita in Europa. È infatti molto raro che si generino le condizioni tali da con-sentire a questi resti di rimanere conservati per milioni di anni.
„Si tratta di un sauro, di un esemplare di importanza addirittura mondiale, poiché si tratta di un anello di congiunzione, un antenato di serpenti, lucertole e iguane“, mi comunicò il Professor Renesto.
“Il capo si è ben conservato, così come le zampe anteriori, purtroppo però manca tutta la parte posteriore. L´ho chiamato Megachirella wachtleri“.
„Ma non era possibile!“ Per quanto fossi andato oltre rispetto a tanti altri avevo comunque fallito. Se fossi stato in grado di capire un po’ meglio questa natura, queste pietre e rocce, allora non avrei commesso questo errore madornale. Avevo sbadatamente gettato via tutta la parte posteriore. Mi ero avvicinato così tanto al traguardo, senza però riuscire a penetrare in queste rocce con il mio spirito e le mie conoscenze.
Proseguii la lettura delle spiegazioni degli scienziati cercando al contempo di trovare parole semplici per riassumerle:
„La scoperta del sauro sul Monte Prà della Vacca riveste un’estrema importanza anche a livello mondiale. Tale rettile presenta caratteristiche sia degli ultimi esemplari di Sphenodon, un rettile che vive in Nuova Zelanda, dei serpenti, delle lucertole e delle iguane. È il progenitore dei serpenti e delle lucertole“.
Un piccolo ridicolo animale venne alla luce milioni di anni fa per conquistare il mondo, al quale però non fu permesso di terminare il suo ciclo vitale. Un’onda enorme, una tempesta, uno tsunami difatti lo uccise. I suoi successori, tuttavia, continuarono a svilupparsi, divenendo serpenti, lucertole, iguane. Animali che, ancor oggi dominano la terra.



Dolomiti
 
 

Michael Wachtler - Highlights

Il più grande ritrovamento d'oro delle Alpi

Megachirella wachtleri
l'antenato delle lucertole

Il potere dei cristalli
Il cristallo della morte

Le ombre fossili delle felci
Il messaggio del passato

 

Saggio

 

Pubblicazioni


Michael Wachtler
Filosofo della natura, scopritore, scrittore, documentarista

Via P.-P.-Rainer 11,
I-39038 San Candido (BZ)

Tel. +39 0474 913462
Fax +39 0474 913092
michael@wachtler.com
www.michaelwachtler.com

Part. IVA IT02608410219

Link utili:

Zona delle Tre Cime nelle Dolomiti
Vacanze in Alto Adige

  
Editoria  © Webdesign by SiMedia

Michael Wachtler - Filosofo della natura, scopritore, scrittore, documentarista
Via P.-P.-Rainer 11, I-39038 San Candido (BZ)
Tel. +39 0474 913462 - Fax +39 0474 913092 - michael@wachtler.com - www.michaelwachtler.com